Back 2 work after Buskers

… sembra incredibile che dopo un’esperienza come quella di giovedì scorso si possa tornare a lavorare…

Sì ma non c’è stato pure venerdì ?

Beh dopo esser tornato alle 4.30 a casa, aver puntato la sveglia alle 8.40, aver mandato sms ai capi dicendo "domani arrivo un’ora dopo, verso le 10.00", aver lavorato come un fantasma fino alle 16.00, ora alla quale uno dei sottocapi dice "io vado, devi solo mandare la mail finale del rilascio, vai tranquillo", per poi veder tutti che iniziano a ‘mocarse(l)a" (darsela a gambe, ndr) verso le 17.00 e tu, illo e illa si rimane soli fino ad ora da destinarsi con il C.E.O. che ogni tanto viene a vedere come sta andando, …

… e uscire dall’ufficio alle 20.00

e prendere una pizza finalmente alle 21.30 una volta esaurita la coda,

sì ecco la giornata di Venerdì è esistita ma io "non c’ero" 🙂

Buskers Festival stupendo, il Circo ha suonato bene, siamo stati abbastanza coesi, faticoso, come sempre, ma giornata stupenda: 25-26 gradi, la sera pure freschetto, "location" centrale, in corso porta reno 29, la batteria e l’inverter hanno fatto il looro mestiere, qualche ronzio ma abbastanza accettabile… e la batteria (quella che si suona con le bacchette) ha fatto il suo sporco lavoro, ha suonato, anche ad occhi chiusi, perché quando prende quella magia ineffabile che è la Musica allora si entra in una dimensione ulteriore, e i pezzi cadono sotto le bacchette da soli, e se il braccio protende a sinistra sa (SA) che lì c’è un crash o un charleston ad attenderlo, e le gambe si coordinano un pelo meglio, e quando si riemerge alla vista scopri che si sono fermate una 30ina di persone ad ascoltare, alcune di loro accennando il ritmo con il capo, qualche bambino gioioso che si mette a zampettare a tempo…

E poi festeggiare i 40 anni di Fabio lì, alla fine degli spettacoli, dopo aver riportato tutto l’armamentario nelle auto, nell’unico bar rimasto aperto, un goccio di Traminer, ridendo delle nostre (s)performance, è molto bello.

C’è una certa meraviglia nella musica vissuta così. E’ un misto di gioia e solitudine, perché da un lato è così bella la sensazione che si prova mentre si suona per strada con tutto perfetto… dall’altra è una sensazione piena a metà, o vuota a metà, perché manca la possibilità di condividere questa sensazione con qualcuno.

Vibrare
come due corde
all’unisono
per simpatia.

Questo manca.

Il musicista che stava alla nostra destra era un tipo francese di origini africane. Lui nero nero nero, lei bianca bianca bianca, la moglie; la bimba color cioccolato al latte bellissima. Lui aveva una gran bella voce, e una felicità che sgorgava in ogni movenza; diceva "voi vivete di musica? No?Ah io sì. In Francia, se hai un idea, un progetto culturale musicale, lo presenti, e questi ti pagano! Lo Stato ti finanzia 20, 30.000 Euro per incidere il tuo disco. Poi arriva la casa discografica specializzata, che ti mette a contratto. TU sei un artista, n’est-ce pas? Non devi preoccuparti di organizzare le date dei concerti, di mettere il pane in tavola, oui? Ci pensa la casa discografica; tu devi solo concentrarti sulla tua arte, far fluire la tua musica, voilà… io ho uno stipendio in francia, 1400€ al mese che mi piovono in banca, e devo solo suonare, andare nei posti che mi ha prenotato la casa discografica, fare nuova musica; domani dove suono? Fatemi guardare… a Firenze… oui oui arrivo! Ah ma voi non vivete di musica?"

"no, noi lavoriamo, abbiamo un lavoro regolare":

"Ahh… ok, ho capito… eeeh eh eheheheh ehe he "… con un tono come a dire "eh che poveri sfortunati, come potete capire allora…"

Chissà, forse ha ragione lui?!

L<3

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...