F.U.D.

Fear, Uncertainty, Doubt.Un po’ quel che sento stasera – sarà il portato di una giornata di lavoro dopo aver trascorso bei giorni a Berlino, la tristezza di una giornata di lavoro insoddisfacente, una pausa pranzo con discussione accesa con un collega di cui non si capisce il modo di pensare…
la ragazza di fronte a me mi guarda atterrita, sarà la feritina che ci siamo fatti a Berlino durante il sightseeing tour…
stasera non ho voglia di andare a ballare… mi sembra di fare qualcosa così … prendiamolo come ginnastica…
sento solo un grande desiderio di scappare.
O di re-iniziare daccapo.
Meglio. di re-iniziare daccapo.
Slave to the Grind.
una serie di rituali, mentre mi servirebbe un po’ di silenzio per ascoltare me stesso. Parole da dire e da non dire. Voglio prendermi una vacanza e stare un poco con me stesso, riprogettare la vita, farlo adesso, perché se no al prossimo giro di autobus con un ciclista che taglia la strada, potrei non essere così fortunato.
Cosa vuoi aspettare ancora?
Dai Luca, vivi un poco…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...